Materassi

21 giugno 2016

Il materasso oramai sfondo ti procura dolori di schiena appena ti svegli la mattina?

Scendere dal letto si fa sempre più difficile?

La circolazione alle gambe ti arreca fastidio e quasi tutte le sere sei costretta a mettere un cuscino sotto i piedi per sentire sollievo?

Allora è proprio giunto il momento di cambiare la tua rete o il tuo materasso!

All’interno della mia esposizione puoi provare più di 6 materassi in modo da capire la consistenza, la durezza e la traspirabilità.

Oltre ai materassi hai a disposizione 4 modelli di “rete” da provare su te stesso.

Puoi decidere l’altezza dei piedi che più gradisci…

C’è a chi piace basso perchè più moderno.

C’è anche a chi piace alla giusta altezza per poter salire e scendere senza problemi o sforzi.

Oppure trovi la rete motorizzata, che ti assiste ad alzarti e ti allevia il fastidio da circolazione alzando solo la parte inferiore (dalla vita ai piedi).

Per completare il “Kit Riposo” trovi ben 4 tipi di guanciali.

“E come ti ho evidenziato, puoi provare tutto ciò che è sopra elencato!”

Non solo! Se non trovi ciò che soddisfa la tue esigrenze…

… dato che sono “Falegname” mi sono affidato ad una azienda che opera nel settore “Reti e Materassi”da più di 30 anni.

“Sogno Veneto” (la gamma TOP) e “Ideare” (la gamma Normal – Basic), azienda di Treviso che nasce nel 1985 come azienda di artigiani e ad oggi vanta:

  • Più di 35 modelli di materassi
  • Più di 20 reti, sia fisse che motorizzate
  • 12 guanciali (Normali, cervicale, in Memory ecc. ecc.)
  • Accessori per le reti e per i materassi

Tra quelli esposti trovi anche il materasso con marcatura CE e sono classificati come dispositivi medici in quanto conformi alla direttiva 93/42/CE del 14/06/1993

In base alle norma vigente, è consentita la detrazione d’imposta come spesa sanitaria nella dichiarazione dei redditi, per i contribuenti per i quali tali prodotti rappresentino effettivamente un ausilio (certificato medico).

Vieni nella mia esposizione a toccare, provare e riposare nella zona “Riposo”.

Facebook

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *